Famiglia 'ostaggio' del treno in casa

Il cancello d'ingresso del terreno di campagna, alla periferia di Sassari, è di fronte a un passaggio a livello e i proprietari sono 'ostaggi' del treno. Per entrare a casa loro devono chiedere il permesso e quando vanno via devono avvisare, altrimenti rischiano una multa. Protagonista di questa paradossale storia è un veterinario in pensione, Pietrino Sanna, 81 anni. Non è uno scherzo, ma è tutto messo nero su bianco nella convenzione siglata l'11 ottobre 2017 tra Rfi, Rete ferroviaria italiana, e i tre proprietari del terreno con vista sulle rotaie: in realtà due proprietari su tre non hanno firmato, il terzo l'ha fatto solo perché costretto, come ha precisato in allegato al documento di 15 pagine. Siamo a San Giorgio, una manciata di chilometri dal centro abitato di Sassari. Un polmone verde, tante case e campagne, dove Sanna possiede un terreno di quattro ettari. Ma da qualche mese la gita in campagna è diventata un incubo. Perché il cancello d'ingresso si affaccia su una stradina privata sbarrata da un passaggio a livello protetto da barriere non automatizzate ma chiuse a chiave. E per inserire la chiave nel lucchetto, aprire le barriere ed entrare a casa propria, bisogna chiedere il permesso, anzi il nulla osta a Rfi, schiacciando il pulsante di un apparecchio, una specie di citofono piazzato a bordo strada. Qualche secondo in stand by e poi il responso: positivo se il treno non è nei paraggi, negativo in caso contrario. A volte l'attesa dura anche 15 minuti. Ma non è finita. "Analoga procedura - racconta Pietrino Sanna al quotidiano sardo - va seguita dopo che si è passati e poi per tornare indietro". Tra andata e ritorno sono quattro volte in tutto. Sino all'ottobre scorso la procedura era diversa. Le barriere c'erano e si aprivano con la chiave in dotazione ai proprietari, ma non era necessario "citofonare" o telefonare a Rfi per chiedere il nulla osta.(ANSA).

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Nel frattempo, in altre città d'Italia...